admin-ajax.jpg

Impossibilità sopravvenuta dell’effetto traslativo: caparra da restituire al promissario acquirente

La Corte di Cassazione Civile sez.II, con ordinanza 5 ottobre 2020, n. 21262,  ha stabilito che l’istanza di restituzione della caparra in favore del promittente acquirente deve ritenersi inclusa nella già svolta domanda, dal medesimo formulata, di restituzione del doppio della caparra stessa nell’ambito di controversia definita con il rigetto della domanda risolutoria del promittente acquirente, ma con accertamento di impossibilità sopravvenuta di trasferimento del bene oggetto di preliminare di vendita e, conseguentemente, con affermazione del carattere di indebito assunto dalla medesima caparra.