Screenshot_20210420-120301_Gallery-560x318.jpg

Sì all’assegno divorzile alla ex che, anche se autonoma, ha permesso al marito di fare carriera

La Corte di Cassazione civile, sez. VI-1, con ordinanza del 20 ottobre 2021 n. 29195, ha stabilito che il mancato sacrificio di aspettative professionali ed economiche del coniuge cd. debole può incidere, riducendola, sulla componente perequativa-riequilibratrice dell’assegno di mantenimento, ma non azzerarla, ove risulti che il coniuge abbia con le proprie maggiori incombenze familiari comunque contribuito, oltre alla realizzazione della vita familiare, al successo professionale (ed economico) dell’altro coniuge e, conseguentemente, alla formazione del patrimonio familiare e personale di tale coniuge.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram