admin-ajax.jpg

Pensione di reversibilità: la ripartizione del trattamento tra coniuge divorziato e coniuge superstite

La Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 1, con ordinanza n. 5268/20 depositata il 26 febbraio, ha stabilito che nel caso in cui sia il coniuge divorziato che quello superstite abbiano i requisiti per percepire la pensione di reversibilità, la ripartizione del trattamento va effettuata, oltre che sulla base del criterio della durata dei matrimoni, anche tenendo conto di ulteriori elementi correlati, tra i quali la durata delle convivenze prematrimoniali.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram