Pignoramenti-560x373.jpg

Contravvenzioni, sì all’applicazione della continuazione

La sentenza 3 dicembre 2019, n. 49026 della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione ha stabilito che se le violazioni hanno assunto tutte forma dolosa, la continuazione è applicabile anche ai reati contravvenzionali.

Le contravvenzioni possono essere quindi punite indifferentemente a titolo di dolo o di colpa; nel caso in cui le diverse contravvenzioni siano tutte punite a titolo di dolo, l’istituto della continuazione è sicuramente applicabile anche ai reati contravvenzionali.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram