440_16_50133_0-1-300x200

Condannata la maestra autoritaria ed impaziente in classe

La Corte di Cassazione, sez. VI Penale, con sentenza n. 7969/20, depositata il 27 febbraio ha confermato le responsabilità dell’insegnante di una classe di scuola materna in Puglia; a inchiodarla i racconti fatti all’epoca dei fatti da alcuni bambini ai loro genitori. La donna mancava di pazienza nell’interagire con gli alunni, soprattutto con i più fragili, lenti o introversi, che umiliava verbalmente: poi, utilizzava un martelletto sbattuto sulla cattedra per imporre l’ordine e il silenzio, e urlava e sgridava i bambini con toni di voce molto alti, e minacciava i più vivaci e disobbedienti di rinchiuderli in un armadietto. L ’insegnante che adotta un metodo educativo rigido ed autoritario, è perciò ritenuta colpevole di “abuso dei mezzi di correzione” – e non di “maltrattamenti” – per l’approccio durissimo avuto coi bambini della classe a lei affidata.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram